Tempo di lettura: 4 minuti

Mercatini di Natale: c’è chi li ama e chi li odia. Io li amo, e vi racconto tutto in questo articolo con suggerimenti utili per chi vuole visitarli!

Mancano solo 78 giorni a Natale. Non sembra anche voi che quest’anno sia volato più degli altri? Forse è perché ci hanno ‘rubato’ la primavera, o perché da inizio anno si parla sempre e solo di una cosa in tv e in giro, ma a me sembra che il 2020 sia passato in un lampo.

Qualche giorno fa non eravamo ancora pronti a lasciar andare l’estate, poi le temperature autunnali si sono fatte sentire e boom, è quasi ora di pensare a Natale e ai suoi mercatini naturalmente.

Source: Pixabay

Perché visitare i mercatini di Natale

Come vi ho raccontato nell’articolo sui Mercatini di Natale in Trentino-Alto Adige, nonostante sia ben consapevole che i mercatini siano sempre più una trovata commerciale, io li adoro ugualmente.

Le ragioni per visitare i mercatini di Natale in Italia ma anche all’estero, covid permettendo, per quanto mi riguarda, sono le seguenti:

  • L’atmosfera natalizia che indubbiamente creano con casette in legno e lucine
  • La possibilità di acquistare prodotti artigianali o a chilometro zero, tema a me molto caro. Sono infatti convinta che, acquistando dai produttori locali, si possa aiutarli a continuare il lavoro che fanno con grande amore e dedizione, e si possa avere dei prodotti di qualità.
  • Riallacciandomi a quanto sopra, la possibilità di acquistare regali originali, che è apprezzabile soprattutto per quei ‘pensierini’ che vanno fatti ma che di solito sono quelli che ci fanno perdere più tempo!
  • Sono perfetti per una passeggiata romantica o in famiglia: la cioccolata calda (o il vin brulè) faranno sciogliere anche i cuori più scettici
Cioccolata calda ai mercatini di Natale
Source: Pixabay

Come visitare i mercatini di Natale in Italia

Tanti mercatini di Natale in Italia sono raggiungibili in treno – mentre altri, sono raggiungibili solo in macchina, bus di linea o pullman di viaggi organizzati.

Se potete andateci in treno, vi eviterà lo stress del trovare parcheggio e le code in autostrada. Se invece ne approfittate per fare un fine settimana o qualche giorno via e quindi alloggiate in città, il consiglio è quello di andarci a piedi.

Ma come trovare un alloggio vicino al centro senza spendere una fortuna? Di solito Airbnb* fornisce tante soluzioni interessanti, facilmente raggiungibili e con parcheggio incluso nel caso arriviate in macchina. Io i Mercatini li ho sempre visti in giornata – tranne quelli visti durante il mio on the road per mercatini di Natale – quindi non ho mai approfittato della comodità di Airbnb, però se dovessi fermarmi qualche giorno da qualche parte lo utilizzerei senz’altro. L’ho usato svariate volte in giro per l’Europa e la convenienza, unita alla conoscenza della città dei vostri host, lo rendono un’ottima opzione per una gita fuori porta.

Mercatini in Trentino-Alto Adige

I mercatini di Natale di Rovereto, Trento, Bolzano, Bressanone, Vipiteno sono comodamente raggiungibili in treno, infatti le stazioni ferroviarie sono ad una breve distanza dal centro che si può tranquillamente percorrere a piedi.

I mercatini di Natale di Canale di Tenno e Rango sono raggiungibili in macchina – ma ci sono anche tantissimi viaggi organizzati per arrivarci dalle principali città del Nord Italia.

I mercatini di Levico, che io vorrei visitare quest’anno, sono raggiungibili in treno da Trento e Venezia oppure con bus di linea da Trento.

I mercatini di Natale del Lago di Carezza sono raggiungibili in macchina, vicino al Lago c’è infatti un grandissimo parcheggio (a pagamento) dove potrete lasciare la macchina e poi recarvi a piedi intorno al lago per vedere queste meravigliose casette e se siete fortunati, vi ritroverete nel mondo di Frozen nel caso il lago sia ghiacciato!

Mercatini di Natale in Veneto

Anche i principali mercatini di Natale in Veneto sono comodamente raggiungibili in treno, basti pensare che ogni città (grande o piccola che sia) ormai organizza i suoi.

Io vi consiglio quelli di Verona che sono davvero suggestivi, soprattutto per la cometa che dall’Arena si protrae verso Piazza Bra.

Mercatini di Natale a Verona

Altro mercatino di Natale degno di nota – nonostante sia piccolissimo – è quello di Laghi, in provincia di Vicenza, per il bellissimo spettacolo pirotecnico che viene organizzato ogni Vigilia di Natale sul lago. Ahimè è raggiungibile solo in macchina dato che non vi sono tour organizzati o treni che ci arrivano.

Se volete maggiori informazioni sui mercatini di Natale in treno date un’occhiata al blog di Francesca, è una vera esperta dei viaggi in treno e vi dà un sacco di informazioni utili!

Quando visitare i mercatini di Natale in Italia

Premesso che non hanno tutti le stesse date – potete consultare il sito https://www.tuttomercatinidinatale.it/ per le date esatte. Tenete presente che i mercatini di Natale di solito sono aperti da fine novembre a inizio gennaio.

Il consiglio che offro sempre a quanti di voi mi chiedono quando visitare i mercatini di Natale è quello di non visitarli durante il fine settimana.

Quest’anno non so come saranno organizzati per evitare assembramenti e assicurare la sicurezza, probabilmente verranno contingentati gli ingressi, ma in ogni caso se evitate di andarci nei fine settimana eviterete lunghe attese agli stand, gente ferma in mezzo alla strada, e tutti i lati negativi dei Mercatini.

Mercatini di Natale
Source: Pixabay

Andandoci durante la settimana, infatti, potrete godervi l’atmosfera natalizia, curiosare nelle bancarelle, fare acquisti o semplicemente bervi un brulè in santa pace! In questo modo potrete davvero apprezzate i Mercatini e la loro atmosfera unica!

Voi siete nella squadra ‘Adoro i Mercatini di Natale’ o non li potete soffrire? Confrontiamoci nei commenti!

All’interno di questo post potrebbero essere presenti dei link di affiliazione contrassegnati con un asterisco. Questo significa che se deciderete di di fare una prenotazione o effettuare un acquisto tramite questi link, io guadagnerò qualcosina. Per voi non ci saranno costi aggiuntivi, ma mi aiuterete a supportare il blog e il lavoro che c’è dietro ad ogni articolo. Grazie, Elisa