Studio e lavoro in Portogallo, il racconto di Serena

Studio e lavoro in Portogallo. Oggi ospitiamo Serena che ci racconta i suoi due anni a Lisbona.

Chi va all’estero per studiare spesso decide di tornare nel Paese che li ha ospitati per fare un’esperienza di lavoro. Io ho fatto così e come me tante altre ragazze che mi è capitato di intervistare per la mia rubrica Vivere all’estero.

È il caso anche di Serena che è stata due anni in Portogallo, anche se non di seguito. La prima volta ci è andata in Erasmus e poi invece per lavoro in un’azienda farmaceutica internazionale.

studio e lavoro in Portogallo_Serena

Cosa ti ha spinto a fare un’esperienza di studio e di lavoro in Portogallo?

Devo chiaramente fare una distinzione:

  • Erasmus in Portogallo: ho studiato psicologia all’università e questo ha sempre alimentato la mia voglia di conoscere persone da tutto il mondo. Inoltre, mi piaceva l’idea di vedere quanto e come cambiasse l’approccio e l’uso di questa disciplina in paesi diversi dal nostro. Per cui mi sono candidata per partecipare a questa esperienza (che dico sempre che è una delle migliori e formative che si possa fare nella vita), vincendo una borsa di studio per 6 mesi. Ho talmente tanto amato il Portogallo e le persone che condividevano con me questi momenti di introspezione e crescita, che ho deciso di prolungare il programma di scambio per il resto dell’anno.
  • Lavoro: ammetto di esserci arrivata un po’ per disperazione. Nel senso che qua in Italia non si muoveva niente e io, come tutti, avevo bisogno di lavorare. Si è presentata quella che pareva un’occasione interessante a Lisbona per cui nel giro di 10 giorni ho fatto armi e bagagli e sono ripartita verso la città del fado, la mia seconda casa.

Qual è stato l’aspetto che ti è piaciuto di più delle tue esperienze di studio e lavoro in Portogallo?

In molti penserebbero il “mettersi in gioco”, ma per me non è stato questo l’aspetto che mi è piaciuto di più! Sono andata via di casa appena ho terminato il liceo e di salti nel vuoto ne ho fatti sempre tanti, per cui non parliamo (in entrambi i casi) di una novità per me. Era più una normalità dovuta al mio carattere e alla mia voglia di scoprire (facevo parte del team “da grande voglio fare l’astronauta” quando ero piccola).  Ciò che ogni giorno mi faceva letteralmente impazzire era che parlavo tutte e 5 le lingue che credevo di conoscere. Dico credevo perché in realtà le ho ben apprese solo in Erasmus.

Ricordo che ero confusa, soprattutto tra spagnolo e portoghese, ma nonostante questo ero felicissima. Penso che la lingua sia uno dei modi più intimi per entrare davvero in contatto con un popolo diverso dal proprio, per comprenderlo a fondo e sentirsene davvero parte. E io, incredibilmente, ci stavo riuscendo e con varie nazionalità. Ho capito che, finalmente, avevo tutto in mano per vivere al meglio il mondo nella sua completezza. E poi ho amato sperimentare la vera “saudade”, che è un sentimento prettamente portoghese e che indica una sorta di nostalgia del futuro.

Lisbona_miradouro

Viaggiare è stato parte della tua decisione di fare queste esperienze?

Chiaro, anche viaggiare, eh! Ma anche in questo caso ho cominciato a farlo da molto giovane. Ho una sorella che lavora in una compagnia aerea rinomata e questo mi ha permesso di intraprendere viaggi di vario tipo già da piccolina.

Hai incontrato delle difficoltà? Se sì, quali?

In Erasmus no, è filato tutto meravigliosamente liscio. Non mi sono mai sentita sola, e per istinto di sopravvivenza ho appreso il portoghese con molta facilità.

Lavorativamente parlando ci sono stati più disagi. Lisbona è una città assolutamente meravigliosa e che sta vivendo un periodo di forte crescita, ma che, purtroppo, non sa gestire. Mi spiego meglio: molte aziende straniere hanno investito nella capitale lusitana e questo ha portato a un notevole numero di nuovi abitanti. Contemporaneamente il Portogallo ha puntato tantissimo e bene sul turismo creando, consequenzialmente, un numero enorme di visitatori. Ecco, tutto questo ha fatto totalmente impazzire la città. Un esempio? Percorrere 10 km in autostrada voleva dire 1 ora e mezza di incanalamento in strada.

Ero costretta ad uscire di casa alle 06:30 di mattina per riuscire a rientrare alle 19:45. Mi sembrava di buttare la vita. Inoltre, gli stipendi non erano (probabilmente sono) assolutamente bilanciati con il costo della vita che, almeno a Lisbona, cresceva esponenzialmente giorno dopo giorno. Però devo ammettere che il sistema funzionava piuttosto bene, non ho mai avuto un ritardo nei pagamenti e anche gli straordinari erano riconosciuti a dovere.

Quali competenze hai acquisito a livello personale e/o professionale?

Quasi tutto, direi! Se sono quella che sono è grazie alle mie esperienze di vita a Roma e poi a Lisbona. Sono originaria di una piccola provincia del Lazio e il mio cambiamento principale è avvenuto quando mi sono approcciata a queste due grandi e diverse realtà.  Ad ogni modo, almeno un paio (forse 3) di esempi di accrescimento ve li voglio fare. Il primo è che non mi ferma più niente e nessuno. Il secondo è che ho imparato ad essere super resiliente e a vedere la caduta come una nuova occasione. E il terzo è che ho capito che il mondo è fatto di persone meravigliose e che soli ci si sta per scelta, altrimenti ci sono miliardi di possibilità per creare rapporti più o meno intimi.

Studio e lavoro in Portogallo

Quali raccomandazioni daresti a chi volesse intraprendere questo percorso?

Di essere tolleranti e sempre in versione spugna per apprendere il più possibile. Di chiedere aiuto se necessario senza avere paura del prossimo. E come ultima cosa di aprirsi a qualsiasi tipologia di persona, anche a quella che sembra lontanissima dal nostro modo di essere.

C’è qualcos’altro che vorresti raccontare di questa esperienza di studio e lavoro in Portogallo?

Solo che grazie a questa ho iniziato a viaggiare da sola e che, da quel giorno, non ho più smesso. Viaggio in solitaria per piacere, e coordino gruppi di persone in viaggio per lavoro. Insomma, ho capito la mia vera attitudine.

Serena racconta le sue avventure sul blog I frattempi della mia vita

12 commenti su “Studio e lavoro in Portogallo, il racconto di Serena”

  1. Anche io ho fatto l’Erasmus in Portogallo, e ci sarei tornata volentieri a lavorare. Purtroppo o per fortuna ho trovato subito lavoro a Torino dove abito, e spostarmi è diventato un progetto più a lungo termine.

    Rispondi
  2. Wow, che bella esperienza! Ammiro sempre tanto le persone che lasciano il proprio paese, per studio o per lavoro. Penso siano persone coraggiose e che vivere in un altro paese (anche per un breve periodo) sia una delle più belle esperienze formative che si possano fare.

    Rispondi
  3. Amo particolarmente il Portogallo perché l’ho visto quasi tutto a piedi?…sono partita da Lisbona fino a Santerem, Fatima, Tomar, Coimbra, Agueda, Porto e più di 150 paesi in 650 km…un’esperienza che porterò per sempre nel cuore.
    Lisbona e Porto sono le mie città portoghesi preferite?

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.