Cosa vedere a Roma a piedi in un pomeriggio? Più di quanto si pensi! Camminando da Piazza San Pietro all’Altare della Patria passando da Piazza Navona, Fontana di Trevi e Piazza di Spagna alla scoperta della Città Eterna!

Roma è percorribile a piedi. Non pensavo fosse possibile, e invece durante la nostra prima passeggiata abbiamo visto tantissimi monumenti semplicemente camminando da una parte all’altra della città.

Immaginavo fosse una città enorme con tutte le attrazioni principali (espressione che non mi piace affatto!) sparse in tutta la città, ma non è così. Si può passeggiare e vedere le cose principali a piedi, senza dover prendere un autobus o qualsiasi altro mezzo di trasporto.

Durante il nostro primo pomeriggio a Roma, mia mamma ed io abbiamo deciso che volevamo solo fare un giro di perlustrazione per studiare come muoverci nei giorni successivi, fermandoci se ci fosse stato qualcosa di nostro interesse o continuando a camminare.

Cosa vedere a Roma a piedi in un pomeriggio
Source: Pixabay

Avevamo una settimana da trascorrere in città e questa è stata solo la nostra prima passeggiata in giro Roma.

Cosa vedere a Roma a piedi in un pomeriggio: tantissime cose!

Siamo arrivate a Roma Termini intorno alle 13:00 e abbiamo preso un autobus per il nostro alloggio, non lontano dalla Città del Vaticano. Da lì siamo andate a mangiare qualcosa in un ristorante lì vicino. Dopo pranzo ci siamo dirette verso Piazza San Pietro che era a due passi e Castel Sant’Angelo. Trattandosi di una prima esplorazione, abbiamo scattato alcune foto ma non ci siamo fermate più di tanto perché avevamo in programma di visitare San Pietro con calma nei giorni successivi.

Cosa vedere a Roma a piedi in un pomeriggio: Piazza San Pietro

Se volete promuovere un territorio, una struttura ricettiva o un ristorante, un evento, un prodotto o un servizio attraverso il mio blog e desiderate farli conoscere al mio pubblico, visitate la pagina Collaboriamo per avere maggiori informazioni su cosa posso fare per voi oppure scrivetemi per valutare insieme un progetto di comunicazione personalizzato.

Dopo aver attraversato il fiume e camminato su vecchie strade di ciottoli, passando davanti a gelaterie e ristoranti ci siamo imbattute in Piazza Navona. Mi è piaciuta molto.

Col senno di poi è simile – per atmosfera – a Place du Tertre a Parigi, dove artisti di ogni scuola e pensiero dipingono e vendono la loro arte.

La Fontana dei Quattro Fiumi mi ha subito affascinato e mi sono ripromessa di vederla di sera, illuminata. Le fontane così sfarzose secondo me rendono meglio quando sono illuminate.

Piazza Navona Roma_cosa vedere in un pomeriggio a Roma

Da Piazza Navona al Pantheon

Sapevamo che Piazza Navona non era troppo lontana dal Pantheon, questo maestoso tempio dedicato a tutti gli dei dell’antica Roma, commissionato da Marco Agrippa e ricostruito dall’imperatore Adriano. L’avevo studiato al liceo, e finalmente era lì davanti ai miei occhi in tutta la sua grandezza, wow! Ero stupita. Sui libri non sembrava così immenso.

Pantheon_walk intorno a Roma

Fontana di Trevi

Una passeggiata attraverso il centro storico di Roma non poteva essere completa senza una sosta alla celebre Fontana di Trevi. Non so perché, ma non mi aspettavo che fosse così vicina, o meglio così incastonata tra i palazzi. Ogni volta che ci girano un film o uno spot pubblicitario sembra che ci sia un bel po ‘di spazio intorno alla fontana e che le strade siano molto ampie. La verità è che le strade intorno sono davvero strette e la folla non aiuta certo a farle sembrare più larghe.

Però i centri storici mi piacciono, mi sono sempre piaciuti, nonostante possano essere davvero affollati. I ristoranti con i tavolini fuori, i negozi di souvenir colorati e di cose ‘tipicamente italiane’, le gelaterie con vaschette piene di montagne di gelato! Non vi fa pensare proprio all’Italia nella sua immagine più stereotipata ma anche più romantica?

Fontana di Trevi

Piazza di Spagna

La nostra prima “passeggiata” (sembrava più una mezza maratona) si è conclusa con una breve sosta in Piazza di Spagna dove i venditori ambulanti onnipresenti ci hanno offerto rose e altre cianfrusaglie e dove abbiamo deciso che eravamo troppo stanche per vedere qualcos’altro.

Piazza di Spagna a Roma

Non contente, sulla strada percorsa per rientrare al nostro alloggio ci siamo imbattute nell’Altare della Patria e abbiamo comprato una guida turistica solo per avere un’idea più chiara su come pianificare i giorni successivi alla scoperta della Città Eterna.

Altare della patria