Aggiornato il

Ci sono tante attività da fare in Val di Fiemme ma in particolare vi racconto 10 cose da fare a Cavalese per godervi al meglio la vostra vacanza, indipendentemente dalla stagione in cui venite in zona.

Cavalese si trova in Val di Fiemme, in Trentino-Alto Adige, ad un’altitudine di 1000 metri sul livello del mare. Chi non ci è mai stato, di solito conosce Cavalese per due cose. La prima è la Marcialonga, una gara di sci di fondo importantissima a livello internazionale che si svolge ogni anno nell’ultima domenica di gennaio. Vi partecipano circa 8.000 atleti provenienti da tutto il mondo. La seconda è un avvenimento alquanto triste, ovvero la caduta della funivia del Cermis non una ma due volte, nel 1976 e nel 1998.

Per fortuna Cavalese ha molto altro da offrire sia agli amanti della montagna che a chi cerca un po’ di tranquillità e di aria buona e dato che vorrei fosse conosciuta anche per altri motivi rispetto a quelli citati sopra, adesso vi racconto 10 cose da fare a Cavalese, presto invece vi racconterò cosa fare in Val di Fiemme perché tutta la valle merita di essere vista e frequentata.

Le 10 cose da fare a Cavalese, i miei consigli

1. Visitare il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

Vi racconterò in un post dedicato la storia della Magnifica Comunità di Fiemme perché merita di essere raccontata in modo approfondito. Brevemente la Magnifica Comunità di Fiemme è un’entità la cui creazione risale al 1111 creata per amministrare il territorio. La sede è appunto il Palazzo della Magnifica Comunità, sito in centro a Cavalese ed è molto interessante, oltre ad essere un bellissimo edificio, sia dal punto di vista storico che artistico. Si tratta infatti di un palazzo rinascimentale che ospita l’archivio storico della Comunità ma anche una pinacoteca con i dipinti della Scuola pittorica fiemmese.

10 cose da fare a Cavalese_visitare il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

Il Palazzo è visitabile: purtroppo non sono ancora disponibili gli orari dell’apertura estiva 2020, ma vi rimando al sito ufficiale di cui trovate il link qui sopra. Mi riservo di aggiornare l’articolo non appena saranno disponibili orari di apertura al pubblico e informazioni sulle visite.

2. Passeggiare (e giocare) nel Parco della Pieve

Il Parco della Pieve è un polmone verde all’interno dell’abitato di Cavalese – non che il verde manchi da queste parti. Entrarvi trasmette un senso di tranquillità che pervade corpo e mente, infatti essendo accessibile solo a piedi o in bicicletta nel parco regna l’assoluto silenzio, tranne – ovviamente – nell’area giochi attrezzata dove i bambini possono giocare e divertirsi senza però disturbare chi vuole tranquillità. Il parco infatti è molto grande e l’area giochi è circoscritta, quindi c’è spazio per tutti.

Nel parco troverete anche un bar dove bere un caffè e la Chiesa di Santa Maria Assunta dove fermarsi a dire una preghiera o semplicemente ad ammirarne le fattezze.

Oltre l’area giochi potrete affacciarvi e vedere l’intera vallata – in basso potrete ammirare il torrente Avisio e in alto la Catena del Lagorai – in particolare il Cermis. Secondo me questa parte del parco è anche molto romantica, quindi se ci portate la vostra dolce metà farete un figurone!

Parco della Pieve a Cavalese

3. Vedere il panorama dalla pagoda

Un altro punto panoramico che secondo me vale la pena di vedere è quello della pagoda.

Alla pagoda si arriva in macchina percorrendo Via Montebello oppure a piedi – sempre da Via Montebello dove parte una scalinata. Per gli amanti delle camminate potete anche fare una passeggiata più lunga per arrivarci partendo dalle Ville di Fiemme e arrivando alla pagoda da sopra.

Dalla pagoda potrete vedere tutta Cavalese, una parte di Carano (ora Ville di Fiemme), la Catena del Lagorai. Molto suggestivo al tramonto, ma vi assicuro che il panorama è bello a qualsiasi ora del giorno.

La scala per arrivarci non è particolarmente impegnativa, quindi si può tranquillamente percorrere anche con i bambini. Se invece avete con voi il passeggino potrete seguire la strada carrabile, non è lunghissima!

4. Salire al Cermis con la cabinovia

Da Cavalese parte la cabinovia che porta a valle e poi all’intermedia per arrivare al Cermis. Dall’intermedia potrete decidere di salire a piedi oppure continuare in seggiovia (io di solito scelgo questa opzione, ma ad occhi chiusi perché sulla seggiovia sono sempre terrorizzata!).

Una volta arrivati sulla cima troverete il Rifugio Paion dove potrete gustare i piatti della tradizione locale e godervi il panorama.

Dal Rifugio Paion, o meglio dal Cermis, partono diverse escursioni, più o meno facili. Io vi consiglio quella che porta ai laghetti di Bombasel. Non è eccessivamente impegnativa e la soddisfazione una volta arrivati ai laghi è assicurata! È davvero bellissima anche a livello paesaggistico.

Foto di Elisa sulla seggiovia che porta al Cermis

5. Cascata di Cavalese

Sapete che c’è anche una cascata? Sicuramente è tra le 10 cose da vedere a Cavalese.

Ci si arriva comodamente in macchina percorrendo la SS48 – Strada delle Dolomiti – anche chiamata fondovalle. Ci si può arrivare anche a piedi partendo dal centro di Cavalese, però valutate se avete voglia, tempo e forza perché l’andata è in discesa ma il ritorno è interamente in salita. Potete arrivarci anche in bicicletta da uno degli altri paesi posti sul fondovalle, infatti sono tutti collegati da una pista ciclabile, lunga più di 70 chilometri poiché collega Val di Fiemme e Val di Fassa, molto bella e in mezzo al bosco.

La parte che preferisco della ciclabile, percorribile anche a piedi, è il tratto che va da Molina di Fiemme alla cascata.

Dicevamo, la cascata di Cavalese non è altissima, si tratta infatti di un salto d’acqua di una ventina di metri creato dal Rio Val Moena poco prima di andare a ricongiungersi con il torrente Avisio. Davanti alla cascata c’è poi questo piccolo laghetto creato proprio dal rio.

Anni fa si poteva arrivare fin sotto la cascata, ora invece è stata chiusa al pubblico perché ritenuta pericolosa. Nei dintorni si possono comunque fare delle belle passeggiate nel bosco.

6. Visitare le 3 chiese di Cavalese

Cavalese ospita tre chiese, tutte diverse tra loro. Quella già citata di Santa Maria Assunta che si trova nel Parco della Pieve. La Chiesa di San Sebastiano, in centro e la Chiesa dei Frati all’inizio del paese.

Cavalese_Chiesa di San Sebastiano:10 cose da fare a Cavalese

Tutte e tre le chiese propongono messe e momenti di preghiera, ma potrete visitarle anche fuori dagli orari di messa.

7. Andare allo Stadio del Ghiaccio

Che visitiate Cavalese d’estate o d’inverno poco importa perché lo Stadio del Ghiaccio è aperto in ogni stagione. Potrete pattinare oppure godervi una partita di hockey durante il campionato o qualche amichevole anche in altri periodi, oppure assistere a uno spettacolo di pattinaggio artistico. Di solito ce n’è sempre uno a metà agosto ma ne vengono fatti anche altri durante l’anno.

8. Fare shopping nelle vie del centro

Il centro di Cavalese offre molte opportunità per lo shopping – dall’abbigliamento sportivo a quello più elegante, dai souvenir artigianali in legno a quelli più tradizionali come lo speck e la grappa. Troverete inoltre tutto quello di cui potreste aver bisogno in vacanza, bar e tabacchi, librerie, cartolerie, edicole.

Tra i negozi da non perdere, tutti in Via Fratelli Bronzetti (la via centrale di Cavalese) secondo me:

  • La Sportiva per l’abbigliamento tecnico e scarpe da trekking
  • Delizie Welponer per prodotti enogastronomici del territorio
  • Artigianato Borelli per prodotti artigianali, soprattutto in legno

9. Assaggiare i prodotti tipici del posto

Da non perdere lo strudel di Cose buone da Paolo e la grappa di Paolazzi. Per mangiare invece vi avevo già consigliato 3 ristoranti da provare in Val di Fiemme per assaggiare i piatti della tradizione anche in chiave innovativa. Ci sono ristoranti interessanti anche a Cavalese, vi consiglio Agritur Pianrestel (€€), Ristorante-pizzeria La Salera (€€), El Molin (€€€).

10. Vedere uno degli eventi organizzati a Cavalese

Tra le 10 cose da fare a Cavalese sicuramente c’è anche vedere uno degli eventi che la rendono ‘famosa’.

Come vi dicevo all’inizio, Cavalese è famosa soprattutto per la Marcialonga, anche se poi in realtà questa gara di sci di fondo, parte da Moena e si snoda in Val di Fassa e in Val di Fiemme per poi arrivare e concludersi a Cavalese.

Questo evento sportivo ha luogo l’ultima domenica di gennaio e attira atleti e spettatori da tutto il mondo. Anche se non sciate o non seguite lo sci di fondo, è un evento molto coinvolgente perché coinvolge tutto l’abitato di Cavalese con stand, musica e festa.

Un altro evento degno di nota si svolge a inizio settembre ed è la Desmontegada de le caore, ovvero il rientro dall’alpeggio delle capre. Anche in occasione di questa manifestazione, Cavalese si veste a festa e mostra il meglio di sé e dei suoi prodotti in stand gastronomici e artigianali. Inoltre, c’è anche un contest per eleggere la capra più bella!

10 cose da fare a Cavalese: assistere alla Desmontegada

Cosa fare a Cavalese quando piove?

Le visite al Palazzo della Magnifica Comunità e alle Chieste potete farle tranquillamente quando piove, ma se invece volete approfittare del maltempo per un po’ di relax potete sempre provare il Centro Acquatico di Cavalese con piscina e centro benessere. Tra vasche, saune e piscine per bambini, relax e divertimento sono assicurati per tutta la famiglia!

Trovate tutte le informazioni a questo indirizzo.

Dove dormire a Cavalese

Premesso che non li ho provati personalmente perché vivendo in Val di Fiemme non sono mai stata in hotel i miei suoceri che sono venuti più volte a trovarmi si sono trovati bene nei seguenti hotel/B&B:

  • Garnì Manuela
  • Hotel La Roccia
  • Hotel Orso Grigio
  • Hotel Laurino

Spero di avervi fatto venire voglia di visitare Cavalese, se avete altre domande o se volete raccontarmi le vostre esperienze in Val di Fiemme lasciatemi un commento. Mi fa sempre piacere leggervi!