Tempo di lettura: 4 minuti

La Val Venegia è il posto perfetto per una passeggiata estiva in mezzo alla natura. Adatta grandi e piccini vi permetterà di vedere bellissimi panorami senza fare troppa fatica e grazie alla presenza di due malghe Malga Venegia e Malga Venegiota potrete anche assaggiare i piatti della tradizione trentina in una cornice meravigliosa

Val Venegia in estate

Il percorso che dal parcheggio in località Pian dei Casoni porta prima a Malga Venegia e poi a Malga Venegiota per poi proseguire se si vuole fino a Baita Segantini e ai piedi delle pale di San Martino è un percorso adatto a persone di tutte le età e anche senza allenamento poiché non presenta un eccessivo dislivello.

La salita su strada sterrata è per lo più dolce e non presenta particolari pendenze, Gli unici tratti un po’ più salita sono quelli subito prima di Malga Venegiota e l’ultimo pezzo prima di arrivare a Baita Segantini.

Val Venegia in estate: escursione con bambini

Come anticipavo è un’escursione bellissima da fare in famiglia. I bambini – se molto piccoli possono essere portati con lo zaino porta bimbi o sul passeggino da trekking (per via della strada sterrata) – potranno godersi il torrente Travignolo che è raggiungibile in diverse zone della passeggiata, gli animali al pascolo e la miriade di fiori che vestono i prati dell’intera Val Venegia.

Val Venegia con bambini

Dove si trova la Val Venegia

La Val Venegia si trova in Trentino-Alto Adige, e più precisamente nella parte orientale del Trentino. È compresa nel Parco Naturale di Paneveggio (altra cosa da non perdervi se siete in zona!) e si trova ai piedi delle Pale di San Martino, tra i rilievi del Cimon della Pala e Monte Mulaz.

Come arrivare in Val Venegia

Arrivare in Val Venegia è molto semplice.

Se arrivate da Val di Fiemme, Val di Fassa, Autostrada A22 vi basterà seguire la SS48 in direzione Predazzo – Passo Rolle. Dovrete poi superare Bellamonte e il Parco Naturale di Paneveggio per trovare a sinistra un bivio in direzione Passo Valles. Qualche curva più in su a destra troverete un bivio per Pian dei Casoni e lì potrete lasciare la macchina oppure proseguire verso Malga Venegia dove si trova un ulteriore parcheggio.

Se scegliete questa seconda opzione vi chiedo la cortesia di andare piano perché su strada sterrata con la macchina si alza un polverone e se, come quando ci sono stata l’ultima volta ci sono mamme con passeggino (io), i bimbi si respirano tutta la polvere alzata dalle vostre ruote.

Se arrivate dal Veneto e quindi da Falcade potrete scendere sulla strada che da Passo Valles porta a Bellamonte e a quel punto troverete a sinistra il bivio per Pian dei Casoni.

Il percorso: trekking in Val Venegia

La passeggiata può iniziare da Pian dei Casoni dove trovate un grande parcheggio a pagamento (vi consiglio di arrivare presto la mattina o se possibile, di fare l’escursione durante la settimana, perché nei fine settimana e dopo una certa ora trovare parcheggio diventa quasi impossibile) oppure direttamente da Malga Venegia dove, volendo, si può arrivare in macchina.

Da Pian dei Casoni a Malga Venegia comunque sono circa venti minuti di strada a piedi in leggera salita, quindi potete farlo tranquillamente passeggiando.

Il percorso completo che da Malga Venegia porta a Baita Segantini (Passo Rolle) è lungo 14,5 km con un dislivello in salita di circa 495m quindi affrontabile serenamente. Il tempo di percorrenza è stimato in 3,30 h. Calcolate che di solito questi tempi sono stimati su un’andatura media costante, quindi se avete passeggino o bimbi al seguito i tempi inevitabilmente si allungheranno un pochino.

Per il ritorno potrete decidere di rifare la stessa strada a ritroso oppure prendere il bus navetta da Passo Rolle a Pian dei Casoni.

Elisa in Val Venegia

Val Venegia – Trekking del Cristo Pensante

Se volete fare un’escursione più impegnativa (non adatta ai bambini vista la lunghezza) potreste pensare di partire da Val Venegia, arrivare a Baita Segantini e fare il Trekking del Cristo Pensante.

Considerate che da Baita Segantini al Cristo Pensante è stimato un tempo di percorrenza di 2,45 minuti più le 3,30 h del percorso precedente diventa una bella sfacchinata. Allungherete di un po’ il percorso ma vi riempirete gli occhi di meraviglie: la Val Venegia, la Pale di San Martino e la vista da Monte Castellazzo.

Cosa vedere in Val Venegia

In Val Venegia si possono ammirare paesaggi montani stupendi: ai lati della strada avrete prati che d’estate diventano pascoli per le mucche, a valle potrete godere dell’acqua rinfrescante del torrente Travignolo con diversi punti d’accesso per rinfrescarvi i piedi o godervi un po’ di ombra. Di fronte a voi avrete invece le Pale di San Martino e a sinistra il Monte Mulaz che vi osserva mentre camminate. Alberi e boscaglia fanno da contorno a tutta questa natura incontaminata.

Dove mangiare in Val Venegia

I punti di ristoro lungo il percorso sono tre: Malga Venegia all’inizio del percorso, Malga Venegiota a circa un terzo del percorso e Baita Segantini alla fine del percorso.

Io l’ultima volta che ci sono stata ho mangiato a Malga Venegiota e pur avendo mangiato bene non ne sono rimasta entusiasta. La prossima volta voglio provare Malga Venegia, ne ho sentito parlare davvero molto bene.

Malga Venegiota in Val Venegia

Per contattare la Malga Venegia potrete farlo al numero 348.0627886

Cosa portare per un’escursione in Val Venegia in estate

Se nell’articolo sulla Val Venegia in inverno vi consigliavo dei buoni scarponi vista la quantità di neve e abbigliamento tecnico, per l’estate non mi discosto poi molto. Le scarpe sono fondamentali per qualsiasi escursione di trekking in montagna. Se per la Val Venegia possono bastare delle scarpe da ginnastica, io consiglio sempre scarpe da trekking, poiché sono pensate apposta per lo scopo e quindi terranno le vostre caviglie stabili e ammortizzeranno eventuali shock che su un terreno sterrato sono sempre possibili.

Per l’estate, ma anche per l’inverno, è fondamentale la crema solare. Il posto è arieggiato quindi anche se il sole picchia forte rischiate di non accorgervene arrivando a casa con una bella ustione. Per lo stesso motivo portatevi occhiali da sole e cappellino o bandana per coprire il capo.

Val Venegia Pale di San Martino Passo Rolle

Acqua e cibo. In ogni escursione – per quanto possa essere facile o breve – è fondamentale portarsi acqua per reintegrare i liquidi che inevitabilmente si perdono sudando e qualcosa da mangiare in caso vi venga un calo di zuccheri: una barretta energetica o una tavoletta di cioccolata andranno benissimo.

Se avete altre domande su questa escursione scrivetele nei commenti e se invece ci siete già stati raccontatemi se vi è piaciuta!