Tempo di lettura: 5 minuti

Il Bletterbach è un canyon meraviglioso in Alto Adige: in questo post trovate come arrivare, gli itinerari e tutte le informazioni pratiche che vi possono servire per organizzare un’escursione.

Il trekking al Geoparc Bletterbach è un percorso di 8 chilometri che si snoda tra Aldino e Redagno, in Alto Adige. Il Bletterbach è l’ottavo dei nove gruppi dolomitici ad essere riconosciuti Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Geoparc Bletterbach_foto dei diversi strati di roccia del canyon
Source: Pixabay

Perché il Bletterbach è stato scelto come Patrimonio Unesco

Il canyon del Bletterbach è di fondamentale interesse geologico, infatti sulle sue rocce sono descritti 250 milioni di anni del nostro pianeta. I colori delle rocce mettono in luce una storia che va dal Permiano Superiore al Triassico Medio: quelle grigie testimoniano l’intensa attività vulcanica, mentre quelle arenarie di colore rosse e le argille raccontano dell’avanzata e del successivo ritiro del mare tropicale.
La straordinaria presenza di fossili di rettili, ammoniti, anfibi e piante rende il Bletterbach uno dei più importanti depositi del periodo Permiano al mondo.

Il trekking: informazioni generali

Il trekking nel Geoparch del Bletterbach è un percorso adatto ad adulti e bambini (abituati a camminare, poiché non è agibile con passeggino) e si svolge nella massima sicurezza, vi verrà fornito anche un casco in fase di acquisto dei biglietti di ingresso.

Inoltre sarà una di quelle attività all’aperto che si potranno fare anche con le dovute misure di sicurezza per il Covid-19. La gola del Bletterbach è molto ampia e regolando il flusso degli ingressi non sarà difficile mantenere le distanze. Se poi ci andate durante la settimana anziché nel weekend, vedrete che non ci sarà molto affollamento.

La cosa bella di questo trekking è che potete fare l’escursione nel canyon sia in autonomia che con una guida esperta, che vi spiegherà l’evoluzione geologica del posto dalle sue origini ad oggi.

Michele ed io abbiamo preferito farla in autonomia, anche perché all’epoca ero meno allenata di quanto non lo sia ora, quindi volevamo prenderci i nostri tempi. Se non avete fretta, potete farla anche se non siete allenati infatti il dislivello non è tantissimo, l’importante è che abbiate le scarpe adatte.

Il paesaggio all’interno del canyon è veramente bellissimo, non vi sembrerà nemmeno di stare facendo un trekking nelle Dolomiti ma piuttosto di essere in un parco americano. I colori della roccia cambiano e vanno dal marroncino chiaro al rosso, come potete vedere nella foto qui sopra.

Per il tempo dell’escursione sarete davvero proiettati in un altro mondo. Di quella camminata ricordo il silenzio, la meraviglia nei miei occhi e la bellezza infinita della natura.

Bletterbach itinerari

Source: sito ufficiale Geoparc Bletterbach

Percorso fino al “Butterloch”

L’itinerario parte dal Centro Visitatori sopra Aldino o dal Museo GEOlogico di Redagno. Prendendo il sentiero (3, E5), si arriva nella gola del Bletterbach al cosiddetto “Taubenleck”. Proseguendo la camminata e risalendo la gola, si arriva alla cascata, al “Butterloch” appunto. Per il ritorno al Centro Visitatori si prende il sentiero dei cacciatori poco sotto la cascata. Se invece volete tornare a Redagno, si ritorna prendendo il sentiero (3A) passando per la vecchia miniera poi di nuovo 3 (E5).

Questo percorso è di circa 4,6 km da Aldino e 6,8 km da Redagno per un dislivello di 200–250 m. Il tempo di percorrenza è indicativamente di 2 h 30 min dal Centro Visitatori o 3 h 30 min da Redagno.

Sentiero nr. 2

Prendendo la strada forestale sopra il GEOPARC Bletterbach® – Centro Visitatori si arriva alla partenza del sentiero (4) che porta nel letto del torrente Bletterbach. Proseguendo a destra lungo il torrente si arriva alla cosiddetta “Gorz”, un vero anfiteatro naturale. Per il ritorno si prende la stessa via. Arrivati a mezzavia tra la “Gorz” e il sentiero (4), sulla destra parte il sentiero (G) che porta di nuovo sulla strada forestale e al Centro Visitatori. Prendendo invece il sentiero (G) sulla sinistra, si arriva a Redagno.

Percorso: ca. 6,3 km da Aldino e 9 km da Redagno Dislivello: 300 m
Tempo di percorrenza: 3 h 20 min dal Centro Visitatori o 4 h 20 min da Redagno

Entrambi i percorsi prevedono l’obbligo di utilizzare il casco!

Bletterbach come arrivare

Per il Centro Visitatori di Aldino: se arrivate dall’autostrada con uscita Egna/Ora dovrete imboccare la Strada Dolomites/Via Val di Fiemme/SS48 e proseguire in questa direzione per circa 9 chilometri. Dovrete poi svoltare a sinistra sulla SP72 in direzione Aldino/Monte S. Pietro/Nova Ponente. Percorrete questa strada per 6 chilometri e poi trovate la svolta a destra per Località Lerch. Rimanete su questa strada e dopo circa 6 chilometri troverete il parcheggio del Geoparc.

Se arrivate da Cavalese o dalla Val di Fiemme, prendete la SS48 in direzione Ora e superato San Lugano troverete la deviazione a destra per Aldino su SP72. Dopodiché troverete la svolta a destra per Località Lerch e dopo circa 6 chilometri sarete arrivati.

Per il Museo GEOlogico di Redagno: le strade da percorrere sono come sopra, solo che anziché seguire le indicazioni per Aldino, dovrete seguire quelle per Frazione Nuova Redagno, Redagno di Sotto e Fraktion Grube finché non arriverete a Redagno di Sopra dove si trova il Museo.

Comunque non vi preoccupate, essendo centri piccoli, non dovreste perdervi! Il parco geologico è ben segnalato e in ogni caso potrete chiedere ai passanti.

Centro visitatori Bletterbach ad Aldino e Museo GEOlogico a Redagno

Prima o dopo l’escursione vi consiglio di visitare il Centro visitatori ad Aldino e il Museo GEOlogico a Redagno per degli approfondimenti di natura geologica sul Bletterbach.

Orari e prezzi

Il biglietto per il GEOPARC Bletterbach costa 6 Euro ed include l’ingresso alla gola del Bletterbach, l’entrata all’esposizione al Centro Visitatori, al Museo GEOlogico a Redagno e il noleggio caschi. Per i bambini fino ai 14 anni l’ingresso è gratuito. Questo è il prezzo per fare l’escursione in autonomia che è quella che ho fatto io, mentre per le visite guidate trovate le informazioni e i prezzi sul sito, di cui vi lascio il link qua sotto.

Tra le visite guidate, si possono prenotare anche degli eventi di geologia dei bambini organizzati con guide esperte che racconteranno le leggende del posto e spiegheranno ai bambini dai 6 ai 12 anni come si sono evolute le montagne e la pietra negli anni.

Il Centro Visitatori GEOPARC Bletterbach è aperto dal 28 aprile al 31 ottobre tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 18.

Il Museo GEOlogico a Redagno è aperto tutti i giorni dal 28 aprile al 31 ottobre tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 18.

Per gli aggiornamenti sull’apertura post-emergenza del parco geologico del Bletterbach e le informazioni sulle visite guidate, vi rimando al sito ufficiale che è aggiornato regolarmente con tutte le novità.

Equipaggiamento per l’escursione al Bletterbach

Come per ogni escursione in montagna consiglio di avere l’equipaggiamento adatto, onde evitare rischi inutili. Fondamentali scarpe da trekking o scarpon(cin)i da montagna con una buona tenuta sul terreno, poiché trattandosi di un canyon potrebbe essere scivoloso nel caso avesse piovuto poco prima della vostra passeggiata all’interno della gola del Bletterbach. In ogni caso controllate sempre il meteo.