Samos è un’isola meravigliosa, vi ho già parlato delle sue spiagge qui e ora vi voglio parlare delle sue cittadine e del perché vale la pena visitarle.

Secondo noi, le cittadine da non perdere a Samos sono sicuramente Pythagorio, Kokkari e Karlovasi. Si tratta delle cittadine che abbiamo trovato più interessanti, caratteristiche o suggestive. Samos, capoluogo dell’isola non ci è piaciuta invece, ci ha dato l’impressione di essere una cittadina molto poco curata, sporca e non particolarmente interessante, per questo ci siamo fermati poco e non ve ne parlerò in questo post.

Karlovasi

Partiamo da Karlovasi, dove avevamo l’alloggio e dove abbiamo fatto la maggior parte delle colazioni guardando il porto, mangiando yogurt con miele e noci e bevendo Gia…giamas, una versione locale e rinfrescante del classico succo di frutta.

Karlovasi si trova a nord ovest di Samos ed è un buon posto per alloggiare dato che non è invaso da turisti. Troverete infatti appartamenti o alloggi a buon prezzo, come quello affittato da noi su AirBnB. Hotel ne ho visti pochi a dire il vero ma meglio così se cercate la tranquillità.

Nel 2017 si è svolto uno street art festival che ha visto 15 tra i maggiori street artists dipingere e decorare edifici dismessi e pareti in ‘rovina’ in giro per la città, dando così un’idea di contemporaneità anche alle case ingrigite dal tempo. L’idea alla base del festival non era solamente di dare un nuovo volto alla città, ma anche di creare una ‘base’ per la street art greca ed europea.

Lungo il porto vi sono diversi ristorantini che propongono specialità locali, tra cui il polipo in casseruola e cucinato in altri mille modi. Si tratta di un piatto super gettonato a Samos. Noi abbiamo mangiato due sere al Rendezvous2000, ristorantino gestito dalla carinissima Maria che ci ha proposto pietanze greche squisitamente cucinate e con una vista decisamente romantica.

Se invece cercate la movida e qualche localino chic, il centro di Karlovasi è ciò che fa per voi, con bar e ristoranti frequentati più dalla gente del posto che dai turisti. Qui abbiamo mangiato da Soul Meze, un localino molto carino con due tavolini sul balcone sopra la piazza principale di Karlovasi e gli altri su una scalinata adiacente il ristorante. La soluzione ideale se volete assaggiare cose diverse e spendere pochissimo! L’idea è simile a quella delle tapas spagnole, piatti piccoli (ma neanche tanto) e a buon prezzo, così che si possano assaggiare più cose. Il menu non è di immediata comprensione, quindi vale la pena chiedere consiglio al cameriere.

Una sera siamo capitati anche in mezzo alla notte bianca di Karlovasi, in occasione di una gara di macchine in stile Fast & Furious. I fuochi d’artificio sorseggiando un drink sono stati speciali.

Inoltre se volete vedere Karlovasi da una prospettiva diversa, andate in cima a Paleo Karlovasi, la parte vecchia della città. La vista da lì è meravigliosa in quanto domina l’intera baia…

Kokkari

Kokkari è il paesino forse più fotografato di Samos, digitando Samos su Google compariranno infatti foto di Kokkari come primi risultati. L’immagine tipica delle barchette sulla spiaggia con dietro le case bianche è quella che si trova più spesso online, e che noi ovviamente non abbiamo fatto. Negozi e ristoranti, così come i turisti, abbondano.

Nonostante turisti e ristoranti a bizzeffe, vale sicuramente la pena vederlo al tramonto, per godersi lo spettacolo dalla spiaggia sotto al ristorante di cui vi ho parlato, Basilico, che ha una vista meravigliosa su tutta la baia.

Pythagorio

Ma veniamo a Pythagorio… la cittadina secondo me più carina di Samos. Tipica città greca con il viale principale che arriva direttamente al porto, fulcro della vita della città, e dove sono concentrate le varie attività commerciali.

La parte storica di Pythagorio è molto bella, in particolare il castello dell’eroe Lykourgos Logotheti con la vicina chiesa ortodossa. Ci sarebbero stati da visitare il tempio di Era e il tunnel dell’acquedotto di Eupalino ma noi non li abbiamo visti in quanto abbiamo preferito una gita in barca (potete leggerne qui).

Inoltre Pythagorio deve il suo nome al matematico Pitagora, e infatti nella zona del porto c’è una statua a lui dedicata.

La passeggiata lungo il porto la sera è molto suggestiva, le lucine delle barche e i ristorantini creano un’atmosfera magica. Ristoranti ce ne sono per tutti i gusti, noi abbiamo scelto Aphrodite e ne siamo stati entusiasti.

A voi quale cittadina è piaciuta di più a Samos?