Due inguaribili romantiche, Giulia ed io non potevamo non rimanere affascinate da Parigi, la Ville Lumière. Lei, wedding planner per passione che ha da poco creato insieme a Gaia ed Eleonora Di punto in bianco per organizzare eventi e matrimoni su misura, io travel blogger, anche se mi fa ancora strano definirmi così; abbiamo visitato Parigi in anni e periodi diversi, ma entrambe abbiamo apprezzato quell’atmosfera romantica che ne pervade gli angoli, le petites rues ovvero le stradine, i ristoranti, i musei. 

In questo post a quattro mani non vi racconteremo cosa visitare a Parigi, quello lo potete trovare su una guida turistica, ma vi racconteremo i luoghi che ci hanno ispirato, quei luoghi un po’ particolari (seppur turistici in qualche caso) che si adattano perfettamente a delle anime romantiche e creative in cerca di ispirazione…

Cosa vedere

I luoghi che più hanno ispirato Giulia nel suo weekend parigino, sono la Basilica del Sacro Cuore e il quartiere di Montmartre, posti da cartolina, che in questi giorni prenatalizi sono ancora più caratteristici. Le giostre, le stradine di ciottoli, le case colorate rendono questo quartiere il più fiabesco dell’intera città.

Photo Credit: Di Punto in Bianco

Il posto che invece mi ha emozionato di più è il Musée d’Orsay. Sarà perché si trova all’interno di un ex stazione ferroviaria, e per una viaggiatrice come me questo particolare lo rende ancor più interessante perché posso immaginare le storie di quanti vi sono passati, si sono ritrovati o separati. Magari è per il suo grande orologio, i suoi quadri impressionisti e post-impressionisti che lo rendono un museo diverso dai soliti. O forse per la sua posizione lungo il fiume, ma il Musée d’Orsay è uno dei più bei musei che io abbia mai visitato.

Musée_Orsay

Dove mangiare

Giulia consiglia 1000 & 1 Délices, il ristorante marocchino non lontano dalle Galeries Lafayette, dove ha assaggiato piatti della tradizione araba e marocchina ricchi di gusto e dall’ottimo aspetto. Piccolino ma accogliente, attira i visitatori fin dal profumo che si sente passandovi di fronte.

Photo Credit: Di Punto in Bianco

Essendoci andata in primavera e restando nella cucina araba, ho apprezzato molto un posto non convenzionale, fuori dai soliti circuiti turistici: il Café della Grande Mosquée de Paris dove potrete gustare thé alla menta, cous cous e dolcetti tipici stando comodamente seduti in un cortile interno, sul retro della moschea, ad immaginare cosa si dicono le persone intorno a voi in arabo o in francese..

Café_Grande_Mosquée

Dove passeggiare

A Giulia sono piaciute due passeggiate in particolare – gli Champs Elysées, illuminati di viola e decorati in occasione del Natale imminente e il Giardino delle Tuileries, che in questi giorni ospita i mercatini di Natale – ma molto bello anche nelle altre stagioni.

Giardini_Tuileries
Photo Credit: Di Punto in Bianco

Sia io che Giulia siamo tombées amoureuses, ci siamo innamorate di un altro posto… vi dice qualcosa la Place du Tertre nel quartiere di Montmartre? La piazzetta dove artisti di tutto il mondo si incontrano a dipingere luoghi, persone, storie d’amore e d’altri tempi.

Place_du_Tertre

Voi quali posti consigliereste a Parigi per trovare ispirazione?