5 buone ragioni per viaggiare: le motivazioni che mi spingono a partire

Tempo di lettura: 4 minuti

Viaggiare ha tantissimi benefici ormai risaputi, ma non tutti viaggiano per le stesse ragioni. C’è chi viaggia per una vacanza relax, chi per entrare in contatto con una realtà diversa dalla propria, chi lo fa per lavoro, chi lo fa con la mente e chi per cercare sé stesso. Voglio raccontarvi però le mie 5 buone ragioni per viaggiare, le motivazioni che mi spingono a partire non appena ne ho la possibilità.

5 buone ragioni per viaggiare
Foto di Dariusz Sankowski da Pixabay

Io ho iniziato a viaggiare ‘seriamente’ tardi, nel senso che finché ero piccola andavo in vacanza in Puglia con mamma e papà l’estate ma a parte la vacanza estiva non viaggiavo poi così tanto. Però vivevo già quel viaggio come un’avventura. Non vedevo l’ora di arrivare. Già a metà viaggio iniziavo a rompere le scatole su quando saremmo arrivati e nel frattempo mi godevo il panorama che vedevo dalla macchina che sfrecciava in autostrada. A sinistra l’Adriatico e a destra i campi di girasoli. Il ricordo è ancora nitidissimo nella mia mente.

Dopodiché, a parte le gite scolastiche, il primo vero viaggio è stato nel 2007, quando sono partita per due mesi come ragazza alla pari in Francia. E da lì, il mio modo di viaggiare è cambiato e la mia passione per il viaggio è aumentata a dismisura.

5 buone ragioni per viaggiare

1. Viaggiare apre la mente

Magari vi sembrerà un cliché, ma succede davvero. Per quanto qualcuno possa partire pieno di preconcetti se non addirittura pregiudizi, viaggiare ed entrare in contatto con una realtà diversa lo farà ricredere. Magari solo in parte, magari solo su pochi aspetti della cultura altrui, però in qualche modo cambierà idea.

Quando si viaggia sarebbe meglio partire con uno stato d’animo positivo e pronto ad accogliere la diversità lasciando tutti i pregiudizi a casa. Ma se questo non fosse possibile non vi preoccupate, sarà il viaggio in sé o le persone che incontrerete a farvi cambiare idea. Vi basterà un sorriso di un bambino o un paesaggio a voi non familiare o un animaletto che a casa vostra non c’è a farvi aprire alle possibilità dell’universo.

Get_Human_East_Side_Gallery

2. Viaggiare insegna a cavarsela da soli

Siete in un Paese straniero e non capite la lingua del posto, non sapete dove andare o come arrivare in un posto. Bene, vi trovate davanti a un problema. Se foste a casa vostra chiedereste al primo che passa, impostereste il navigatore, vi appoggereste al vostro accompagnatore. Quando siete in viaggio potreste non avere a disposizione nessuno strumento o persona a darvi una mano, quindi dovrete per forza imparare a cavarvela da soli.

Come? Mettendo in moto tutta una serie di risorse che non sapete nemmeno di avere. Spirito di adattamento, iniziativa, una ritrovata capacità di parlare con gli sconosciuti. Tutte cose che a casa molto probabilmente non vi servono e che invece renderanno il vostro viaggio più intenso. Tra le 5 buone ragioni per viaggiare c’è anche imparare a cavarsela da soli.

3. Viaggiare fa apprezzare di più quello che si ha

Viaggiare è sicuramente un privilegio e anche se non è più così limitato, non tutti possono farlo per le più svariate ragioni. Apprezzare il fatto di poter viaggiare è già una gran cosa, io ad esempio mi sento piena di gratitudine ogni volta che posso andare in un posto diverso o che posso partecipare a un evento che mi interessa. Se poi viaggiamo in posti meno fortunati di quello da cui veniamo, non solo dovremmo essere grati del poter viaggiare, ma forse potremmo apprezzare di più quello che abbiamo.

5 buone ragioni per viaggiare

4. Viaggiare permette di riconoscere i propri limiti

Viaggiare ahimè non è sempre piacevole. Gli imprevisti accadono, le brutte esperienze anche. Le situazioni in cui non ci si vorrebbe trovare succedono. Non dobbiamo farci scoraggiare da tutto questo, anzi. Abbiamo visto prima che il viaggio ci fa scoprire tutta una serie di risorse da poter utilizzare in queste situazioni, è anche vero però che abbiamo dei limiti. Siamo umani e non possiamo fare tutto. Dobbiamo imparare a riconoscere i nostri limiti per poter evitare di infilarci in situazioni ancora più spiacevoli e soprattutto non dobbiamo avere paura di ammettere i nostri limiti.

Tra le 5 buone ragioni per viaggiare c’è anche questa: il viaggio ci permette di riconoscere i nostri limiti e talvolta di superarli. Vi faccio un esempio: sono in montagna, arrivo sul ciglio di un burrone ma c’è il sentiero davanti a me. Mi rendo conto di soffrire di vertigini. Se me la sento, e sempre nella massima sicurezza, proseguo. Altrimenti, ammetto di non farcela e torno indietro. Non ho raggiunto la cima? Pazienza, probabilmente ho evitato di cadere e di farmi male. Non bisogna aver paura di ammettere di non farcela, anche perché è il primo passo verso il riuscire a superare i propri limiti.

Funivia

5. Viaggiare arricchisce sotto ogni punto di vista

Non ha importanza che spendiate 10€ o 1000€ per un viaggio, non è quello che dà il valore all’esperienza. Viaggiare arricchisce in ogni caso, in qualsiasi posto andiate, qualsiasi cosa facciate. Sapete perché? Perché non importa che andiate dietro casa o distanti mille miglia, tornerete cambiati.

Il viaggio è questo in fondo. Il vedere luoghi, persone e culture con occhi curiosi e qualsiasi sia il vostro modo di viaggiare ne tornerete arricchiti. È impossibile che torniate da un viaggio senza aver imparato qualcosa, senza aver visto una chiesa, un animale, una persona diversa da quelle a cui siete abituati, senza aver sentito parlare una lingua diversa. Mi sembra un’ottima ragione per viaggiare, non trovate?

5 buone ragioni per viaggiare

Di ragioni per viaggiare ce ne sarebbero tantissime, queste secondo me sono quelle più importanti, quelle che mi hanno cambiata e quelle che rendono ogni viaggio un’esperienza indimenticabile. E voi, togliereste o aggiungereste qualcosa alle 5 buone ragioni per viaggiare?

63 commenti su “5 buone ragioni per viaggiare: le motivazioni che mi spingono a partire”

  1. Ci piace molto questo articolo e lo condividiamo in pieno.
    Vero, possono sembrare tutti cliché ma in realtà… non lo sono; non lo sono perché non tutte le persone si rendono conto di quanto viaggiare possa effettivamente aprire la mente o aiutare a capire i propri limiti.
    Il nostro primo viaggio “grande” e importante lo abbiamo fatto in Giappone, organizzando tutto da sole. Mai come in quella occasione lo spirito di adattamento e di invettiva l’ha fatta da padrone, ma così vale per tutto il resto… da un weekend in un borgo dietro casa ad un viaggio intercontinentale.

    Rispondi
    • Wow, come prima meta di un viaggio importante il Giappone… scelta coraggiosa! Io non ci sono ancora stata e non è tra i primi posti che visiterei, ma prima o poi spero di arrivare anche lì 🙂

      Rispondi
  2. Che coincidenza, anch’io dopo la mia esperienza da aupair in Inghilterra ho scoperto tutto un altro modo di vivere il viaggio, proprio per questo ho deciso poi di aprire il blog?

    Rispondi
  3. Concordo con tutti i tuoi pensieri, ma forse darei un limite al fatto che il viaggio apre la mente. Devi essere ben disposto e pronto ad aprirti al viaggio. Conosco persone che viaggiano e che continuano a vivere il viaggio “dall’esterno” senza viverlo in prima persona. Parlo di quelli che cercano la pasta o quelli che “tutti ti vogliono fregare”. Fortunatamente sono pochi! E tu non viaggi anche per paura? Io ho una grande paura di non fare in tempo a vedere tutto ciò che voglio vedere…

    Rispondi
  4. Sottoscrivo tutto!! Viaggiando poi con due bambini credo che il viaggio regali a tutta la famiglia indimenticabili esperienze e ricordi. Una sorta di arricchimento cumulativo!!!

    Rispondi
  5. Condivido molto le tue ragioni, in particolare quando dici che viaggiare aiuta ad apprezzare di più ciò che si ha. E, aggiungo, secondo me aiuta anche a ridimensionarsi un po’.
    Soprattutto quando si visitano paesi economicamente meno sviluppati del nostro è sempre una bella “lezione” rendersi conto che le possibilità che abbiamo a disposizione non sono scontate, né dovute.
    Bell’articolo, complimenti 🙂

    Rispondi
  6. Bellissime le tue parole, condivido tutti i punti soprattutto il numero 5! Viaggiare rende davvero più ricchi interiormente e come ben dici tu fa apprezzare di più quello che si ha.

    Rispondi
  7. Non avrei saputo dirlo meglio! Sono d’accordo su tutto, soprattutto imparare a cavarsela da sola. Viaggiare è importante e andrebbe fatto già dalla tenera età, con i genitori, come hai fatto tu e come ho fatto anche io.

    Rispondi
  8. Sono completamente d’accordo che viaggiare è dare valore anche alla più piccola esperienza fatta e questo – come sottolinei – può valere 10, 100, 1000€ ma fare poco la differenza. Ho sempre trovato più piacere nello scambiare due parole con sconosciuti davanti ad una lonely planet in un ostello che in una costosissima cena di lusso..pertanto non potrei essere più d’accordo! Bellissimo articolo…

    Rispondi
  9. Mi riconosco anche io in tutto! Sai che anche io da bambina andavo sempre in vacanza in Puglia perché mio nonno è di Locorotondo. Il viaggio in macchina, per noi bambini, era anche motivo di divertimento abbinato allo studio, Giocavamo a riconoscere le forme nelle nuvole o facevamo quiz dii geografia partendo dalle targhe delle auto o dalla località che stavano passando in quel momento. il viaggio in auto era parte della vacanza ed è quello che penso ancora adesso infatti i viaggi on the road sono quelli che continuo a preferire.

    Rispondi
    • Anch’io adoro i viaggi on the road e forse come te ho acquisito questa cosa durante il viaggio estivo in Puglia, non ci avevo mai pensato a dire il vero ma probabilmente è proprio così!

      Rispondi
  10. Condivido tutto quello che hai scritto. Sicuramente, come dici tu, viaggiare apre la mente. La persona che viaggia non pensa sempre che tutto quello che facciamo, mangiamo o abbiamo noi italiani sia sempre la cosa migliore. Viaggiare comporta anche conoscere meglio la storia di certe popolazioni, le loro usanze, le loro credenze e questo abbatte i pregiudizi. Articolo molto interessante.

    Rispondi
  11. Ho voluto leggere questo articolo per vedere se le nostre motivazioni coincidono…ebbene sì, condivido totalmente!!!

    Rispondi
  12. Concordo con le tue 5 motivazioni. Io viaggio per conoscere, per assaggiare cibi nuovi, per incontrare l’altro… Per poter dire la mia un giorno, su quel posto.

    Rispondi
  13. Sono d’accordissimo su tutto, in particolare sul punto in cui dici che viaggiare arricchisce. Me ne rendo conto ogni giorno, soprattutto quando parlo con gente che non si muove mai da casa per scelta. Viaggiare significa essere curiosi nei confronti di ciò che è diverso e questo ci rende inevitabilmente più ricchi.

    Rispondi
    • Assolutamente d’accordo con te! Io di mio, faccio fatica a capire la gente che non si muove da casa per scelta, cosa c’è di più bello che esplorare questo mondo bellissimo che abbiamo?

      Rispondi
  14. D’accordissimo su tutti i punti, e soprattutto sull’apertura della mente che i viaggi comportano, la conoscenza di nuove culture, nuove usanze, nuove realtà, l’acquisizione della consapevolezza che siamo solo un puntino sulla cartina geografica, e che esistono mille altre verità. E la conoscenza porta con sé la tolleranza

    Rispondi
  15. viaggiare sposta gli equilibri e i punti di vista…c’è chi pensa che sia un modo per scappare dai problemi e non sa che invece di ritorno dai viaggi i problemi sono ancora lì ma li si vede da angolature diverse. E poi…che carica che da!

    Rispondi
  16. Viaggiare apre la mente e aiuta a diventare grandi. Ma non basta viaggiare: bisogna anche aprire il cuore e gli occhi. Altrimenti ci si ferma al grado di turisti. Il bello è diventare viaggiatori. In tutti i sensi.

    Rispondi
  17. Sono d’accordo praticamente su ogni punto e devo ammettere che viaggiare mi ha aiutato a maturare. Ho iniziato anche io tardi, dopo i 18, ma mi ha aiutato a diventare più responsabile, a cavarmela da sola, ad aprirmi essendo timida (chi mi incontra oggi non lo direbbe) e a conoscermi meglio. I viaggi più educativi, finora, sono stati quelli in solitaria, vedremo in futuro… 🙂

    Rispondi
  18. Condivido tutto ciò che hai detto, e mi hai fatto riflettere anche sull’aspetto che non avevo consoderato del fatto che viaggiare ci aiuta a comprendere i propri limiti. Per me viaggiare è amare sempre di più l’importanza della diversità.

    Rispondi
  19. Condivido davvero tutte le cose che hai scritto, sono riflessioni che sento anche mie. In particolare viaggiare fa apprezzare di più quello che si ha, e che viaggiare rende davvero più ricchi. Il bagaglio con cui si torna a casa è sempre pieno di emozioni e di cose imparate.. e questa è una sensazione bellissima!

    Rispondi
  20. Parole sante! Viaggiare è una delle cose che regala maggiori emozioni e maggior crescita personale. Si superano i propri limiti, si scopre qualcosa di sé attraverso la scoperta dell’altro. Beh, è meraviglioso!

    Rispondi
  21. Non posso che essere d’accordo con tutto quello che hai scritto, soprattutto con il primo punto. Se si rimane sempre e solo a casa propria, non si riesce a capire quello che abbiamo intorno.

    Rispondi
  22. Sono totalmente d’accordo con te!!! Mi sono ritrovata perfettamente nelle tue parole, soprattutto quando dici che non importa la destinazione, un viaggio insegna qualcosa anche se si prende un bus e si viaggia a la città vicina. Purtroppo molte persone non lo capiscono, tante volte mi sono sentita dire: “devi ancora maturare”, ed io, ormai, li guardo e sorrido, senza rispondere. Ma ogni volta che mi sento dire “quando metterai la testa a posto?” provo pena per quelle persone, perché non sanno cosa si perdono.
    Gran bel post, in bocca al lupo per i tuoi prossimi viaggi! 🙂

    Rispondi
    • Grazie mille Lucia! Sono contenta che la pensi come me…. anche a me dicevano così quando vivevo all’estero, ora che sono tornata me lo dicono un po’ meno però continuano a dirmi che non so darmi pace 🙂

      Rispondi
  23. Un articolo davvero bello Elisa, brava! Condivido questi cinque punti e ho apprezzato soprattutto il quarto, quello che riguarda i limiti! Spesso si crede di non farcela e di non essere “all’altezza”, ma secondo me già il provarci è un bel risultato che indubbiamente significa che uno ha coraggio e voglia di mettersi in gioco!

    Rispondi
    • Grazie mille Valentina sono contenta che ti piaccia. Davvero, siamo in un mondo dove l’ammettere i propri limiti sembra la fine del mondo, e invece è solo un modo per poter ripartire più forti di prima!

      Rispondi
  24. Concordo su tutti i punti, in particolare sul numero 1 ovvero che il viaggio apre la mente. Ci abitua al diverso e ci insegna che non dobbiamo necessariamente temerlo

    Rispondi
  25. Viaggio perché, banalmente, mi rende felice e, forse, un poco migliore. Passo ore ad ammirare i dettagli di questo o quel monumento, ad osservare i passanti e a perdermi nei quartieri multietnici delle città che ho avuto la fortuna di visitare. Rivedere quelle immagini sotto forma di fotografia, chissà come mai, mi fa bene al cuore.

    Rispondi
  26. Condivido tutto sai? Viaggiare è una passione che arricchisce sotto ogni punto di vista. Grazie a questa passione io ad esempio mi vedo più matura, più aperta al mondo e più conscia delle mie capacità. Da quando viaggio ho una consapevolezza maggiore di me stessa che mi aiuta molto anche nel lavoro!

    Rispondi

Dimmi cosa ne pensi...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: